Italian - ItalyFrench (Fr)Română (România)Arabic (العربية الموحدة)English (United Kingdom)

caritas-8x1000

Sardegna Solidale

La newsletter di In Sardegna Migranti



Decreto Flussi 2011

Il decreto flussi del 2011 stabilisce il numero di stranieri che possono ottenere il Permesso di Soggiorno per lavoro subordinato e il numero di conversioni concesse (studio, stagionali etc. ). Nel Decreto Flussi 2010/2011 sono elencate le quote per nazionalità. Si consiglia di consultare nella sezione Modulistica i Modelli da compilare online per la richiesta di Nulla Osta. Le domande si potranno compilare dal 17 Gennaio e si inviano il giorno del "click day".

Come fare domanda

Per chi fare domanda

I requisiti

Compilare Online

Dopo la domanda

 Le domande di nulla osta si presentano attraverso la procedura online sul sito del ministero dell’interno , il singolo soggetto può presentare massimo cinque domande, se si preferisce si può fare la domanda attraverso le associazioni di categoria. L’ora di riferimento per l’invio è quella fornita qui.

Per questo decreto Flussi 2011 sono ammesse un massimo di 98.080 domande così suddivise: 
52.080 destinate a lavoratori extracomunitari di qualsiasi settore (anche domestico).  Le domande devono essere spedite Lunedì 31 gennaio 2011, ore 8.00 nella quota i lavoratori di tutti settori cittadini di uno degli stati contenuti nell’elenco (Albania, Algeria, Bangladesh, Egitto,Filippine, Ghana, Marocco, Moldova, Nigeria, Pakistan, Senegal, Somalia, Sri Lanka, Tunisia, India, Perù, Niger, Gambia)

30.000 domande riservate all'assunzione di lavoratori domestici ed assistenza e cura alla persona per gli stranieri provenienti da paesi non inclusi nell’elenco precedente. Le domande devono essere inviate Mercoledì 2 febbraio 2011, ore 8.00.
16.000 le richieste di conversione di permesso o di ingresso particolare
3.000 permessi di soggiorno per studio in permesso per lavoro subordinato (qui la procedura)
3.000 permessi di soggiorno per tirocinio e formazione in permesso per lavoro subordinato
4.000 permessi di soggiorno per lavoro stagionale in permesso per lavoro subordinato
1.000 permessi di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo rilasciati da altro stato permesso per lavoro subordinato in Italia
500 permesso di soggiorno CE di lungo periodo rilasciati da altro stato membro in permessi di soggiorno per lavoro autonomo in Italia
4.000 ingressi per cittadini extracomunitari che abbiano completato all’estero un programma di formazione ed istruzione
500 discendenti di terzo grado di cittadini italiani residenti in Argentina, Uruguay e Brasile. 
Queste domande si spediscono Giovedì 3 febbraio 2011, ore 8.00 per tutte le altre richieste:
 

I requisiti per richiedere il nulla osta all’assunzione:
L’alloggio, il datore di lavoro deve dare un alloggio preciso, senza idoneità poi una volta ottenuto il nulla osta di dovrà specificare a che titolo è dato questo alloggio (gratuito, affitto etc). Chi fa domanda per un lavoratore domestico, colf o badante dovrà dimostrare di avere un reddito minimo sufficiente all’assunzione (calcolato al netto d’imposta come il doppio rispetto all’ammontare della retribuzione annua al lavoratore compresi i contributi), si possono sommare anche i redditi dei familiari conviventi a chi presenta domanda per un lavoratore. Se l’assunzione è per una persona non autosufficiente si dovrà allegare il nome della persona e la certificazione di questa patologia o handicap, in questo caso non sarà richiesto il reddito minimo del datore di lavoro.
Le imprese che vogliono assumere dovranno dimostrare la capacità reddituale dell’impresa indicando il fatturato dell’ultimo anno. Se l’impresa è di nuova costituzione, e non c’è una dichiarazione dei redditi di riferimento, è possibile indicare il fatturato raggiunto fino al momento dell’inoltro della pratica, (bilancino).
L’orario di lavoro non può essere inferiore a 20 ore settimanali .Al momento della compilazione online della domanda non si chiede di allegare nessun documento, successivamente se la domanda rientra tra le quote stabilite ci si dovrà presentare allo sportello unico presentando tutta la documentazione:
 

Per la compilazione online sarà comunque necessario avere a portata di mano:
Denominazione sociale impresa 
Matricola Inps impresa 
Dati del legale rappresentante 
Documento di identità del datore di lavoro (passaporto o altro titolo equipollente se cittadino extracomunitario) 
Titolo di soggiorno nel caso di datore di lavoro extracomunitario) 
Certificazione di iscrizione anagrafica se il datore di lavoro è comunitario
Carta identità della persona da assistere non autosufficiente 
Codice fiscale 
Indirizzo dove si svolge il rapporto di lavoro 
indirizzo della sistemazione alloggiativa del lavoratore 
Cud o ultima dichiarazione dei redditi o bilancio d’impresa 
Marca da bollo da 14, 62 euro

 

Le quote disponibili sono inferiori alle richieste di assunzione. Le domande vengono esaminate in base all’ordine di arrivo; per questa ragione è necessario inviare la domanda in maniera tempestiva a partire dai primi minuti dell’orario indicato sopra.
Le domande sono esaminate dalle prefetture con la Direzione Provinciale del Lavoro che verifica la validità delle condizioni contrattuali contenute nella domanda e la locale Questura che verifica eventuali irregolarità del soggiorno del lavoratore residente all’estero o eventuali procedimenti penali a carico del datore di lavoro.
La Prefettura può avvalersi della facoltà di chiedere al datore di lavoro della documentazione aggiuntiva se ritiene non chiare o insufficienti le informazioni contenute nella domanda.
Al temine dell’istruttoria (40 giorni in base al Testo Unico, ma oltre un anno nella prassi) lo Sportello Unico per l’Immigrazione emette, o rifiuta, il nulla osta per l’assunzione, ed avvisa la Rappresentanza Italiana del paese di residenza del lavoratore.
Il nulla osta viene consegnato al datore di lavoro che si preoccupa di consegnarlo al lavoratore oppure, qualora richiesto nella domanda, è la prefettura a trasmettere il nulla osta alla rappresentanza italiana del paese di residenza del lavoratore che si recherà a richiedere il visto di ingresso per motivi di lavoro.
Il nulla osta all’assunzione ha una validità di sei mesi. Per eventuali proroghe occorre rivolgersi alla Prefettura che lo ha emesso.

Se il lavoratore per cui è richiesta l’assunzione è irregolarmente presente sul territorio italiano:
Spesso il lavoratore per cui si chiede l’assunzione è già presente, irregolarmente, in italiana. In questo caso la procedura del decreto flussi funge  da meccanismo di regolarizzazione.
Se il datore di lavoro ottiene il nulla osta per l'assunzione, il lavoratore deve rientrare nel proprio paese di residenza straniera e ritirare il visto di ingresso per lavoro. Non è possibile procedere all’assunzione, né tanto meno richiedere il permesso di soggiorno per lavoro, rimanendo in Italia, ma occorre fare rientro nel proprio paese e munirsi di visto di ingresso per lavoro.
L’uscita dal territorio italiano può compromettere l’iter di “regolarizzazione”, occorre pertanto evitare di essere segnalati all’uscita dal territorio nazionale.


 


Associazione Piccoli Progetti Possibili ONLUS

Via Pio Piras N. 8 - 09036  Guspini (VS) Sardegna

Telefono 070 / 970529  -  Fax 070 / 970052

Registro del Volontariato RAS n.1888 del 23/04/2009 - Cod. Fisc. 91016940925